CuriositàLa fibromialgia non è la tua immaginazione

06/10/2018 - 22h

Per decenni, i pazienti con fibromialgia hanno visitato uffici di diverse specialità in cerca di sollievo dal loro dolore. Alla domanda sulla posizione del dolore, la risposta è stata "chiedimi dove non fa male".

I test, tuttavia, non hanno rivelato nulla: nessun danno muscolare, nessuna infiammazione. La paziente viaggiava dai clinici ai reumatologi fino a quando, infine, raggiungeva uno psicologo, a volte convinto che il dolore esistesse solo nella sua immaginazione.

Poiché i dolori sono solitamente muscolari o localizzati nelle articolazioni, per molto tempo i reumatologi hanno investigato. Tuttavia, gli studi indicano che questa sarebbe una malattia neurologica.

Sintomi e diagnosi

È possibile rilevare l'eccessiva reazione del cervello agli stimoli attraverso una risonanza magnetica funzionale, ma questo è un test estremamente costoso e laborioso e richiede professionisti esperti ed esperimenti da realizzare, che lo rende non applicato ordinariamente ed è praticamente limitato da usare negli studi.

In generale, la ricerca si basa molto sul conto del paziente stesso e su test per escludere malattie che possono avere sintomi simili, come anchilosante, polimialgia reumatica, l'ipotiroidismo e il mieloma multiplo, un tipo di tumore che colpisce sempre più persone sopra i 65 anni.

In generale, il primo segno di fibromialgia è il dolore localizzato che persiste e, nel tempo, si sviluppa e si diffonde, assomigliando al dolore che prende tutto il corpo dopo una forte influenza. Di solito il dolore sorge senza motivo, ma a volte può essere scatenato da un trauma psicologico, fisico, come una lesione da un incidente d'auto o infezioni.

Fino agli anni '90, una mappa è stata redatta da 20 reumatologi per testare la sensibilità del paziente. I 18 punti distribuiti dal corpo sono stati i più citati dai pazienti come luoghi dolorosi. Sono simmetrici bilateralmente e la maggior parte sono sopra la vita. Alcuni di loro, specialmente nella nuca, nelle scapole e all'esterno dei gomiti, che quando venivano pressati causavano grida di dolore.

Tuttavia, il dolore della fibromialgia è diverso dai dolori acuti, come quelli causati da un taglio o da una porta che si chiude violentemente su un dito. Per quanto riguarda il dolore cronico, la persona si adatta e ci convive giorno per giorno.

Un paziente fibromialgico che vuole nascondere la sua condizione può parlare normalmente senza mostrare che sta soffrendo. Quando è abituato al dolore, vive la sua vita quotidiana apparentemente senza provare alcun disagio, il che motiva l'incredulità di coloro che vivono con lui.

La fibromialgia non è considerata una malattia curabile. Ci sono casi in cui i sintomi diminuiscono considerevolmente, quasi scomparendo, ma ce ne sono altri in cui sarà necessario controllarli per tutta la vita. Capire questo fatto è fondamentale per prendere il trattamento nel miglior modo possibile.

Tags
benesseresalutecorpomalattiafibromialgiasintomidiagnosi