AlimentazioneAlzheimer: i funghi riducono il rischio di memoria del 50%

04/04/2019 - 13h

I funghi possono aiutare a dimezzare il rischio di perdita di memoria, comune in malattie come l'Alzheimer. È stato scoperto in uno studio dell'Università Nazionale di Singapore con dati provenienti da 663 cinesi over 60 che hanno monitorato il cibo e lo stile di vita per 6 anni tra il 2011 e il 2017.

Il motivo? È che i funghi contengono molte fibre, antiossidanti e proteine, oltre a vitamine e minerali. L'ideale è mangiarli due volte a settimana. 

I ricercatori hanno scoperto che le persone che consumavano porzioni di funghi due volte alla settimana avevano un rischio inferiore del 50% di lieve deterioramento cognitivo, che spesso precedeva il morbo di Alzheimer.

Hanno anche scoperto che più i funghi mangiavano, migliori erano le loro prestazioni nei test di ragionamento ed elaborazione. I partecipanti hanno assunto diversi tipi di funghi. Tra questi shitake, fungo di ostrica (noto anche come shimeji-nero), champignon, enoki e portobello.

I ricercatori sottolineano inoltre che i funghi sono uno degli alimenti ricchi di Ergothioneine, un antiossidante unico e anti-infiammatorio che gli esseri umani non può sintetizzare da solo, ma possono essere ottenuti da fonti alimentari.

I funghi contengono anche importanti nutrienti e minerali, sono ricchi di vitamina D, selenio e spermidina, sostanze che proteggono anche i neuroni.

È stato anche notato che le sostanze derivate dai funghi possono inibire la produzione di proteine tossiche il cui eccesso di accumulo nel cervello coincide con lo sviluppo della malattia di Alzheimer e altre forme di demenza.

Gli autori dello studio dicono che è presto per determinare se esiste una relazione causale tra i funghi e una migliore prestazione cerebrale e vogliono approfondire ulteriormente gli studi.

Se questo articoloti è piaciuto, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!

Tags
benesseresalutebeneficimemoriafunghi